lunedì 24 aprile 2017

Il libro del giorno # I ragazzi della 56° strada di S.E. Hinton

Nella vita del lettore tanto è cocente la delusione quando un libro su cui nutrivamo grandi speranze non mantiene le aspettative, quanto è grande la soddisfazione per una lettura affrontata con leggerezza e che invece ci stupisce positivamente. Per me la lettura de I ragazzi della 56° strada di S.E. Hinton rientra appieno in questa seconda categoria di letture. 


Titolo: I ragazzi della 56° strada
Autore: S.E. Hinton
Editore: Castelvecchi
Dati: pp. 175, €15.

Capita a volte di imbattersi in un romanzo in modo del tutto casuale e di portarselo a casa senza stare troppo a pensarci ed è questo che è accaduto a me con questo romanzo. Avevo sentito parlare sporadicamente di The Outsiders, il titolo originale, come di un cult per generazioni di giovani lettori americani, ma non essendo particolarmente attratta dalla narrativa americana in generale e degli anni '60 in particolare, non gli avevo mai prestato particolare attenzione. Sono rimasta però incuriosita dalla biografia della sua autrice, Susan Eloise Hinton, che ha scritto questo romanzo poco più che ventenne, pubblicato poi dagli editori come opera di S.E. Hinton, in modo che non fosse immediatamente chiaro che l'autrice era una donna. Il romanzo tuttavia riscosse grande successo, così come alcuni altri libri dell'autrice che però ha sempre vissuto lontano dai riflettori e in modo estremamente appartato, tanto da essere paragonata a J.D. Salinger, come si legge nella bandella a fine volume. Il fatto che l'autrice fosse così giovane spiega la semplicità e la vitalità che contraddistinguono la storia di un gruppo di amici che formano la banda dei Greaser, giovani dei quartieri poveri della città, accomunati dalle difficoltà economiche e dal fatto di avere alle spalle famiglie assenti se non violente. Per i membri della banda essere un Greaser non significa solo portare i capelli lunghi e la brillantina o arrotondare stipendi da fame con piccoli furti, ma significa far parte di una famiglia di elezione in cui tutti si guardano le spalle a vicenda e la solidarietà va oltre le differenze caratteriali. A raccontarci com'è la vita in certi quartieri è Ponyboy, che ha appena compiuto quattordici anni e vive con i fratelli maggiori, il serio ed esigente Darry e l'irrefrenabile Sodapop, dopo la morte dei genitori. Pony è il più giovane della banda, in parte è orgoglioso di essere un Greaser, di essere riconosciuto come membro della banda e di avere il coraggio di affrontare quello che comporta, comprese le botte e il disprezzo della gente, ma in parte non può fare a meno di essere diverso dalla maggior parte degli altri membri, di voler studiare, vedere altre cose, di cercare un futuro diverso da quello desolante offerto a coloro che vivono dal loro lato della città. E a rendere il senso di ingiustizia e di disuguaglianza ancora più acuto, ci pensano i Socs, la banda dei signorini, i figli delle famiglie benestanti del West Side, che girano ben vestiti alla guida di auto costose, e che compiono reati e ingaggiano risse più per noia che per altro. Proprio da un'aggressione da parte dei Socs ai danni di Pony e del suo amico Johnny prende il via una catena di eventi drammatici che sconvolgeranno la vita di tutti i membri della banda. Nonostante le tematiche portanti del romanzo siano quelle non certo nuove della lotta di classe e della ribellione giovanile, l'autrice ha saputo raccontare la sua storia in modo incredibilmente diretto, grazie anche all'immediatezza resa dalla scelta del narratore e dalla semplicità della prosa, che nella traduzione (peraltro anonima) risulta colloquiale e viva, ai limiti dell'elementare. I personaggi sono talmente ben delineati nei loro caratteri così diversi, negli atteggiamenti, nel modo di esprimersi, da rendere i dialoghi realistici e le situazioni, anche le più drammatiche, plausibili. Non c'è retorica nella narrazione, non c'è pietismo, i Graser sanno di essere dei balordi, dei teppisti, non se ne vantano, ma nemmeno se ne vergognano, semplicemente è così che stanno le cose per quelli come loro ed hanno la consapevolezza che difficilmente miglioreranno in futuro. Pony, nonostante sia ancora quasi un bambino, è perfettamente cosciente di questa situazione, ma non è ancora così indurito da non riuscire a sognare qualcosa di meglio, da non sperare qualcosa di più per se e per i suoi fratelli e allo stesso tempo è maturo al punto da intravedere nelle azioni dei Socs, di quei signorini odiati ed invidiati, un malessere che ne è la causa. Né Pony né gli altri Graser possono capire il malessere di questi ragazzi che ai loro occhi hanno tutto quello che loro non otterranno mai, nemmeno in una vita di lavoro, ma il fatto che non lo capiscano e non possano dare un nome a questo malessere non significa che questo non esista e Pony ne è cosciente. Saranno sempre gli uni contro gli altri, ma in fondo anche i nemici sono solo ragazzi.
A colpirmi di più è stato proprio la rappresentazione di una violenza sistematica, ma non autocompiaciuta, di un degrado materiale e morale in cui però c'è posto per gesti di sorprendente tenerezza, di coraggio e di altruismo.
Una lettura che mi ha stupita, che non credevo potesse risultare così potente pur nella sua estrema semplicità, un romanzo che ha creato polemiche e dal quale, inoltre, è stato tratto un film diretto da Coppola che non ho mai visto, nel cast del quale compaiono molti attori che pochi anni dopo otterranno grande fama, come Tom Cruise, Patrick Swayze ed Emilio Estevez e che adesso sono curiosa di recuperare.

VOTO: 8+


mercoledì 19 aprile 2017

WWW Wednesdays


Buon mercoledì lettori di passaggio! Spero che abbiate trascorso una Pasqua serena e che il ritorno alle solite attività non sia stato troppo deprimente. Come di consueto torna la rubrica WWW Wednesdays e vi parlo in breve delle mie letture del periodo.

1) Che cosa stai leggendo in questo momento?
Visto che nei in questi giorni è uscito in libreria il nuovo volume della serie di M.C. Beaton, mi sono subito buttata su Agatha Raisin e il modello di virtù, il volume uscito qualche mese fa e che stavo conservando per non rimanere troppo tempo senza una nuova avventura di Agatha da leggere. In realtà starei ancora leggendo anche L'ultima traccia di Charlotte Link, romanzo che ho un po' accantonato perché le prime 200 pagine onestamente non mi hanno molto coinvolta, ma vorrei comunque cercare di concludere nel mese di Aprile.


2) Che cosa hai appena finito di leggere?
In questi giorni ho letto un romanzo che mi ha stupita molto, I ragazzi della 56° strada di S. E. Hinton. Non sapevo bene cosa aspettarmi da questo libro scritto negli anni sessanta e considerato un cult da generazioni di giovani americani, ma non mi aspettavo che mi coinvolgesse così tanto e spero di parlarvene più approfonditamente al più presto.


3) Quale sarà la tua prossima lettura?
In questi giorni ho visto le puntate finali di una delle serie tv che ho preferito negli ultimi anni, Black Sails, e visto che già sento una certa nostalgia per quel mondo di pirati e di avventura, ho pensato di colmare una grossa lacuna e di recuperare L'isola del tesoro di Robert Louis Stevenson, che ho acquistato recentemente in questa edizione con tanto di mappa.


Queste sono le mie attuali letture, fatemi sapere che cosa ne pensate e che cosa state leggendo voi di interessante in questi giorni!

mercoledì 12 aprile 2017

Giveaway di Primavera

Ben ritrovati lettori di passaggio! Scusate l'assenza degli ultimi giorni, ma ormai conoscerete la mia suprema disorganizzazione. Oggi però voglio approfittare della bella giornata per festeggiare la Primavera anche qui sul blog con un bel Giveaway a tema floreale.
Sono andata ad informarmi sul significato di alcuni fiori molto comuni e molto amati e ho pensato di abbinare ad ogni fiore un libro. Non vi resta che scegliere il vostro fiore preferito!


Le regole per partecipare al giveaway sono semplicissime:
  1. Essere iscritti qui sul blog come lettori fissi.
  2. Lasciare un commento che contenga:
  • Il nome con cui siete iscritti.
  • Il fiore che preferite e quindi il libro che vorreste vincere.
  • Un indirizzo mail valido a cui scrivervi in caso di vittoria.
Non c'è nessun altra richiesta da soddisfare, ogni condivisione su G+ o su dove preferite sarà ovviamente gradita, ma non obbligatoria.
I vincitori saranno due e come al solito saranno estratti in modo molto, molto casalingo dall'ormai familiare barattolo della marmellata!
Il Giveaway di Primavera resterà aperto da oggi 12 Aprile al 30 Aprile, quindi avete un sacco di tempo per partecipare e per scegliere il libro che volete e a proposito di libri, passiamo a presentare i premi in palio!

Al Tulipano sono attribuiti diversi significati, uno dei quali è la dichiarazione d'amore, quindi per questo fiore ho scelto un romanzo il cui protagonista è in cerca,a modo suo, della propria anima gemella.


La Calla simboleggia l'amicizia e la stima sincera, quindi ho scelto di collegarla ad un romanzo corale, in cui tra progetti, amori e malintesi, c'è spazio anche per vecchie e nuove amicizie.


Alla Lavanda invece è attribuito un significato diverso, probabilmente in virtù del fatto che il suo profumo attira vespe ed api, cioè la diffidenza e la necessità di fare attenzione, motivo per cui ho deciso di abbinare alla Lavanda un thriller.


Infine per quanto riguarda il Girasole il significato che gli viene attribuito è quello di allegria e gioia, quindi ho scelto in base ad una certa assonanza con il titolo e questa volta si tratta di un classico.


Questi sono i libri in palio per voi! Spero davvero che vi divertiate a partecipare e ricordatevi che avete tempo fino al 30 Aprile!


mercoledì 5 aprile 2017

WWW Wednesdays


Buon mercoledì lettori di passaggio! Oggi torna la rubrica WWW Wednesdays e finalmente ho anche qualche lettura in più di cui parlarvi.

1) Che cosa stai leggendo in questo momento?
Attualmente ho in lettura L'ultima traccia, il mio primo romanzo di Charlotte Link, autrice molto nota e di cui ero curiosa di leggere qualcosa. In questo caso si tratta di uno dei suoi romanzi noir, ma non ho ancora letto abbastanza per poter esprimere un giudizio a riguardo.


2) Che cosa hai appena finito di leggere?
Nel tentativo di superare il blocco del lettore che ha rallentato non poco le mie letture nell'ultimo periodo, ho scelto un romanzo di una autrice che riesce sempre a mettermi di buonumore, e ho letto Biscotti e sospetti di Stefania Bertola. Anche questa volta, nonostante l'assurdità delle situazioni e l'eccentricità dei personaggi, mi sono appassionata e divertita e non vedo l'ora di procurarmi gli altri titoli dell'autrice che mi mancano. Poi ho cambiato completamente genere e ho letto Mendel dei libri di Stefan Zweig, un racconto che nella sua brevità regala al lettore un personaggio indimenticabile.
Infine ho letto uno dei miei ultimi acquisti, Niente donne perfette, per favore di Jane Austen, una breve raccolta di lettere dell'autrice in cui parla di fatti privati, ma anche del suo lavoro di scrittrice. Ho trovato l'idea di questa raccolta davvero carina, l'unico rammarico è che si tratta di epistolario molto breve, ma soprattutto che ormai ho letto tutto quello che è possibile trovare in Italia scritto da questa autrice.


4) Quale sarà la tua prossima lettura?
Alla terza, fatidica, domanda stavolta non so proprio cosa rispondere. Anche a causa dei numerosi acquisti fatti nel mese scorso, vorrei dedicarmi un po' a quelle letture che aspettano da più tempo nella mia libreria, ma non ho ancora le idee chiare, quindi vi propongo qualche titolo e chiedo a voi di darmi un consiglio:


Questo era il WWW Wednesdays di oggi, come sempre fatemi sapere le vostre opinioni sulle mie letture e lasciatemi i vostri consigli e vostri link qui sotto!